News e Articoli / Io resto a casa la mia fantasia no!
Io resto a casa la mia fantasia no!

Dalla Fondazione Scuola l'Artist Call per tutti i ragazzi della Lombardia.

Trasformare l'esperienza della quarantena in tante opere d'arte è lo spirito con cui la Fondazione Scuola ha ideato e promosso “Io resto a casa, la mia fantasia no!”, un'Artist Call riservata a tutti gli allievi delle scuole della Lombardia di ogni ordine e grado.

Sarà un modo per affidare il ricordo di questo difficile momento storico alle giovani generazioni, considerando che sono proprio loro la fascia della popolazione che ha avuto la vita più cambiata dall'emergenza e anche un messaggio di speranza secondo lo spirito della nostra Fondazione che vuole essere sempre vicina ai propri studenti.
Ne sentirete parlare a lungo grazie all'appoggio del Comune di Milano, manifestato dall'Assessora all'Istruzione Laura Galimberti insieme all'impegno di diffondere il bando presso il personale degli istituti, e grazie anche alla redazione de Il Corriere della Sera che seguirà da vicino l'iniziativa.

Dall'11 maggio si parte con la pubblicazione sul nostro sito del form che consentirà di caricare le opere.

Ma vi anticipiamo che partecipare sarà facilissimo: basterà inviare al nostro sito una qualsiasi forma di arte visiva: un disegno, una fotografia, un video (massimo 3 minuti), una storia a fumetti, un collage, un'opera grafica, una scultura o un’istallazione, realizzati con qualsiasi tecnica si preferisca e in qualsiasi formato e si può partecipare da soli o in gruppo.

Ci sarà tempo fino al 15 giugno per inviare le opere. Restate connessi e cominciate a spargere la voce.
Io resto a casa la mia fantasia no!

Dalla Fondazione Scuola l'Artist Call per tutti i ragazzi della Lombardia.

Trasformare l'esperienza della quarantena in tante opere d'arte è lo spirito con cui la Fondazione Scuola ha ideato e promosso “Io resto a casa, la mia fantasia no!”, un'Artist Call riservata a tutti gli allievi delle scuole della Lombardia di ogni ordine e grado.

Sarà un modo per affidare il ricordo di questo difficile momento storico alle giovani generazioni, considerando che sono proprio loro la fascia della popolazione che ha avuto la vita più cambiata dall'emergenza e anche un messaggio di speranza secondo lo spirito della nostra Fondazione che vuole essere sempre vicina ai propri studenti.
Ne sentirete parlare a lungo grazie all'appoggio del Comune di Milano, manifestato dall'Assessora all'Istruzione Laura Galimberti insieme all'impegno di diffondere il bando presso il personale degli istituti, e grazie anche alla redazione de Il Corriere della Sera che seguirà da vicino l'iniziativa.

Dall'11 maggio si parte con la pubblicazione sul nostro sito del form che consentirà di caricare le opere.

Ma vi anticipiamo che partecipare sarà facilissimo: basterà inviare al nostro sito una qualsiasi forma di arte visiva: un disegno, una fotografia, un video (massimo 3 minuti), una storia a fumetti, un collage, un'opera grafica, una scultura o un’istallazione, realizzati con qualsiasi tecnica si preferisca e in qualsiasi formato e si può partecipare da soli o in gruppo.

Ci sarà tempo fino al 15 giugno per inviare le opere. Restate connessi e cominciate a spargere la voce.